Recensioni manga > Mi piaci perchè mi piaci

immagine anime e manga Mononoke


Una delle opere più famose del grande Hayao Miyazaki!
Hayao è nato a Tokyo nel 1941 e all' inizio aveva pensato di diventare un semplice Mangaka ma dopo aver visto il suo primo film di animazione ne rimase estremamente colpito e decise così nel 1963 di entrare nella Toei Doga come animatore dove ebbe la possibilità di partecipare a diversi capolavori.
Nel 1971 lasciò la Toei Doga e passò alla Nippon Animation dove realizzò numerose serie serie TV (Mirai Shonen Conan).
Successivamente si trasferì alla Tokyo Movie Shinsha dove diresse il suo primo film (Lupin III - Il castello di Cagliostro). Nel 1982 cominciò la serializzazione del suo manga più famoso Nausika grazie al successo ottenuto Miyazaki e Takahata si poterono permettere un proprio studio di animazione: il famoso Studio Ghibli.


Mononoke Colonna sonora

Cerca Mononoke su eBay

TRAMA:

la locandina del film, o meglio.. un pezzetto di locandina La vicenda si colloca nel giappone medioevale nella foresta dove si trova un villaggio.
Ashitaka, il protagonista maschile si sta dirigendo verso la postazione di controllo (una palafiita) cavalcando il suo giovane stambecco. Arrivato in cima scorge una strana creatura che si sposta velocemente nel luogo in cui si trovava con un altro uomo.
Ashitaka e l'uomo sfuggono all' attacco dell'essere e il mostro si dirige verso il villaggio. Ashitaka per salvare tre ragazzine che si trovavano sulla traiettoria del mostro tira le frecce e colpisce a morte quella orribile creatura attirando su di sè una maledizione.
Viene indetta una riunione dei capi al villaggio e viene deciso che il giovane principe Ashitaka deve lasciare la città e andare ad occidente per scoprire quale è stata la causa della trasformazione dell' animale, che aveva ucciso, in demone e per cercare il Dio della foresta affinchè lo possa guarire dalla maledizione che si è attirato (il mostro gli aveva toccato il braccio che ha iniziato ha infettarsi).
Così Ashitaka parte al galoppo e dopo alcuni giorni di viaggio arriva in un villaggio dove si sta combattendo una guerra. Ashitaka vede che i soldati uccidono molte persone indifese e allora ne prende le difese e inizia a tirare frecce col suo arco verso i guerrieri. Accade però una cosa strana, Ashitaka tira le frecce con una incredibile forza, Ashitaka mentre sta per tirare una freccia a cavallo del suo stambecco, il braccio è stato colpito dalla maledizione ed ha acquistato una forza eccezionale e spaventosatale da decapitare un uomo in un colpo solo... tutto questo è opera del suo braccio maledetto.
Ashitaka spaventato dalla sua stessa forza scappa di nascosto fino ad arrivare ad un mercato dove fa la conoscenza di un monaco che gli tiene compagnia per un po' di tempo.
Il monaco riconosce il proiettile che Ashitaka aveva portato dal suo villaggio (il proiettile era stato trovato nel corpo dell' animale-demone e ne era stata la causa principale della sua trsformazione) e gli dice di andare in un isola che si trova più ad occidente dove una certa Eboshi ne è la padrona.
Nell' isola a occidente, Eboshi sta tornando alla sua città con un carico di viveri ma viene ostacolata da due lupi, uno cavalcato da Mononoke (o San), che vogliono a tutti i costi ucciderla. Gli uomini della signora Eboshi riescono a ferire la madre Lupo che precipita nel burone e i suoi due cuccioli (hanno dimensioni enormi) si ritirano. Ashitaka durante l'attracersamento di un bosco scorge due uomini feriti e li salva. Dall' altra parte della sponda vede due lupi e una ragazza che sta curando la ferita del lupo più grande.
Ashitaka porta gli uomini al villaggio e fa la conoscenza di Eboshi e delle varie persone che popolano la città del ferro. In questa città vengono costruite le armi da fuoco e viene devastata la foresta per far espandere la città e per questo non ha paura di andare contro gli spiriti della foresta. Ashitaka le mostra il proiettile trovato nel Dio cinghiale morto e che è stata la causa di tutto questo.
Improvvisamente gli abitanti della città si agitano perchè c'è stata un attacco da parte di Mononoke (la ragazza). San salta sui tetti ed Eboshi è pronta allo scontro, nel frattempo Ashitaka elabora un piano in modo che non avvenga lo scontro. Le due avversarie però si scontrano e Ashitaka interrompe il combattimento come se nulla fosse grazie alla sua straordinaria forza e porta fuori dalla città, nonostante venga ferito da un arma da fuoco, San dove la aspettano i due lupi. San mentre accompagna lo stambecco con sopra Ashitaka nella foresta in modo da poter essere guarito dal Dio della foresta Una volta fuori Ashitaka perde i sensi mentre San li riprende e per un attimo vuole uccidere Ashitaka puntandogli il coltello alla gola ma finisce col portarlo nella foresta dove potrà essere guarito. Quando si risveglia scopre di essere stato salvato dal Dio della foresta ma che non gli ha guarito la piaga del braccio.
Nel frattempo i cinghiali guidati dal Dio Okoto, un enorme cinghiale, stanno per scontrarsi contro gli uomini della città che vogliono distruggere altre foreste nonostante Ashitaka gli abbia raccontato che cosa era successo all' altro cinghiale ucciso. Ashitaka poi all' alba lascia il rifugio dei lupi dove c'era anche San e dice di Il Dio della foresta, chiamato anche Dio Cervo. Di giorno ha questo aspetto di notte diventa l'uomo che cammina un medaglione che portava con se. Mononoke vuole aiutare i cinghiali nella loro guerra nonostante sappia che sarà molto duro. La battaglia uomini-animali è spietata.
Eboshi ha avuto ordine dal Re di portare la testa del Dio della foresta ed è disposta a tutto. Ashitaka non se la sente di abbandonare San e allora và alla sua ricerca sapendo dove trovarla. Nel frattempo il Dio Okoto si tramuta in demone in preda all' odio e finisce per inglobare San con i suoi lunghi tentacoli che escono dal suo corpo. La madre di Mononoke (la mamma lupo) raggiunge il cinghiale e lo scongiura di lasciare andare sua figlia. Nel frattempo arriva Ashitaka che cerca di salvare San ma non ce la fa. Il dio Lupo l' aiuta e libera San.
Arrriva il Dio della foresta che spegne la vita al cinghiale indemoniato e alla madre di San oramai vecchia e ferita. Eboshi uccide il Dio della foresta decapitandolo, inizia così una serie di inseguimenti da parte di San e Ashitaka che vogliono restituire la testa al Dio che la sta "cercando" con tantissime specie di mani che scendono dal cielo e che quando toccano qualcosa la fanno morire. Ashitaka e San riescono a recuperare la testa del Dio e glie la porgono e improvvisamente tutta la natura rinasce. Ashitaka e San si abbracciano.. San ritorna nella foresta mentre il giovane decide di vivere nella città del ferro (ormai ridotta male) per poterle stare vicino.

Ti piacciono gli anime e i manga? Scrivi una recensione di un anime o di un manga che conosci e che non è già presente sul sito topmanga, ottieni punti e convertili in premi (tra cui buono amazon o carta regalo feltrinelli)! Clicca qui e scopri come partecipare al concorso che ti premia sempre!
blog comments powered by Disqus

banner nerd